Tutto scorre nel fiume dei ricordi di Ungaretti

Pensavo allo scorrere delle cose, al loro mutarsi essendo vive. Le stesse immagini della natura ce le rimandano: il fiume scorre e la sua acqua è sempre nuova, la palude è ferma e la sua acqua si sporca ed è melmosa.

Continua a leggere “Tutto scorre nel fiume dei ricordi di Ungaretti”

La Festa della Liberazione e una Storia che si ripete

A lezione di Storia, a lezione di Filosofia, a lezione di Italiano me lo sentivo ripetere spesso: “Gianbattista Vico parlava di corsi e ricorsi storici”. 

Continua a leggere “La Festa della Liberazione e una Storia che si ripete”

Il Silenzio, un caro amico

In Musica le pause sono considerate suono perché preparano, aprono a quello che verrà. L’attesa. Tutto è interconnesso in una composizione musicale e le pause sono altrettanto importanti che le note. Idem possiamo dire delle pause in un testo.

Da questo possiamo partire per affrontare il viaggio di oggi. Vi porto a riflettere sul silenzio.

Continua a leggere “Il Silenzio, un caro amico”

La saggezza di Marina Cvetaeva: “fare di necessità virtù”

 

Marina Cvetaeva è, con Anna Achmatova, l’altra statuaria Poetessa russa a cui possiamo guardare. Anche con lei la vita non fu lieve: anni di esilio in Europa, distante dagli affetti più cari e preda di grande solitudine.

Continua a leggere “La saggezza di Marina Cvetaeva: “fare di necessità virtù””

Maria Stuarda: un regista all’Opera!

Uscendo dal Teatro dell’Opera di Roma, qualche giorno fa, ho pensato: ’C’è speranza! Non tutto è perduto!’. Infatti è stata una rappresentazione degna di questo nome. L’Opera di cui mi sono beata è stata la splendida Maria Stuarda di Donizetti.

Continua a leggere “Maria Stuarda: un regista all’Opera!”

I versi impastati di terra e sangue di Pavese

La Poesia di cui vi racconto oggi è la seconda delle due poesie (“Le piante del lago” e “Anche tu sei l’amore”) dedicate a T. del giugno 1946, pubblicate postume da Italo Calvino in chiusura dell’edizione del 1998.

Continua a leggere “I versi impastati di terra e sangue di Pavese”