Il flusso della vita può entrare nello scrigno di una parola?

Mi sono innamorata di Giorgio Caproni, sentendolo parlare in un video. Un rispecchiamento, un incantamento immediato. La magrezza e l’incisività dello sguardo ricordano il mio amatissimo nonno. Continua a leggere “Il flusso della vita può entrare nello scrigno di una parola?”

Carmen e Micaela: passione e purezza in amore

Pensavo a questo articolo da un po’. Perché non mi è mai andato giù che Micaela venisse spesso ridicolizzata e Carmen, all’opposto, incensata. Certo, purtroppo “giocare” a buoni e cattivi pare essere prerogativa dell’umanità.

Continua a leggere “Carmen e Micaela: passione e purezza in amore”

Tutto dipende da dove si guarda

La Grasse Matinée è il titolo originario di questa splendida Poesia di Prévert del 1938. In francese si chiamano così quelle mattine in cui ci si alza tardi e piacevolmente si gode di questa rilassatezza di tempi e gesti.

Continua a leggere “Tutto dipende da dove si guarda”

Le Stagioni del Teatro: l’arte di invecchiare insieme

Mi sono innamorato del teatro quando ero molto piccolo, tanto che non ricordo più quando non ne fossi innamorato… Il teatro mi ha dato l’idea di ciò che volevo diventare e di come avrei voluto comportarmi e di cosa fosse possibile in questo mondo.”

Continua a leggere “Le Stagioni del Teatro: l’arte di invecchiare insieme”

Le parole taciute di Kafka: “Caro padre ti scrivo…”

Mio caro papà, non è molto che mi hai chiesto perché asserisco di aver paura di te.

Continua a leggere “Le parole taciute di Kafka: “Caro padre ti scrivo…””

Maneggiate con cura la vostra consapevolezza, dice zio Buk

Ormai Bukowski è nostro amico. Non è la prima volta che lo chiamo a nostra guida qui nella rubrica “questopoetamente“. L’essenzialità con cui parla, il suo sguardo affilato verso la realtà sono preziosissimi.

Continua a leggere “Maneggiate con cura la vostra consapevolezza, dice zio Buk”

I racconti della memoria: Ester e il paese delle meraviglie

Un giorno preparai il mio zaino con le roselline rosa e lo sfondo blu, dissi addio a mia nonna e partii. Avevo 5 anni e la meta del mio viaggio era il Paese delle Meraviglie.

Continua a leggere “I racconti della memoria: Ester e il paese delle meraviglie”

Diversa da ogni altra, insostituibile, sola e di me stessa signora.

“Perché io son nata poeta, non santa.”Considero questa lettera il manifesto della nascita della Poesia femminile in Italia.

Continua a leggere “Diversa da ogni altra, insostituibile, sola e di me stessa signora.”